Le Grotte di Frasassi: quanto tempo serve per visitare un milione di anni di meraviglie?

Scritto da Chiara Silvestrini e Simone Pierini

Una delle principali attrazioni naturalistiche della regione Marche?
Le Grotte di Frasassi, ovviamente.

A solo 12 km di distanza da Sassoferrato e dal Raffaello Residence, sono un complesso imponente di grotte carsiche, completamente sotterranee.
La loro origine risale a circa un milione di anni fa.
Scoperte nel 1971 da un gruppo di speleologi anconetani, sono visitabili in completa sicurezza dal 1974.
Cosa provarono quegli esploratori ritrovandosi in questo ambiente vergine, totalmente al buio, nel cuore profondo della terra?
Potete scoprirlo.

In 2 modi: con il tour turistico o con i percorsi speleologici.


Tour turistico

In circa 75 minuti potete attraversare 13 chilometri di gallerie sotterranee, cunicoli e stanze ricche di formazioni calcaree spettacolari.
Giusto per darvi un’idea:

All’ingresso trovate subito “L’Abisso Ancona”: è la prima grotta apparsa agli esploratori che si calarono da uno dei fori scoperti sulle pendici del Monte Valmontagnana.
Un ambiente enorme che misura 180 metri di lunghezza, 120 metri di larghezza e 200 di altezza. Una tra le più grandi cavità sotterranee di tutta Europa.
Al suo interno diverse formazioni:
• un complesso di stalagmiti denominato “Castello della Fatina”;
• una colata di calcite purissima detta “Cascata del Niagara”, per le sue notevoli dimensioni;
• al centro della sala, “I Giganti”, un complesso di stalagmiti di diametro variabile da 2 a 5 metri e altezza da 1,5 fino a 20 metri.

Si passa poi nella “Sala 200”, come i suoi metri di lunghezza.
Al suo interno una concrezione chiamata “Castello Rosso” o “Castello delle Streghe” per il colore rossastro che la distingue.

Proseguendo raggiungete “L’Obelisco”, una stalagmite alta circa 15 metri.
Praticamente un palazzo di 5 piani.
Dato che state già guardando in alto, noterete “La Spada di Damocle”, una stalattite di circa 7,40 metri che scende dal soffitto.
Praticamente un palazzo di 2 piani.

Segue la grotta “Gran Canyon”, così chiamata per la presenza di alcuni crepacci attraversati dalla falda freatica del fiume Sentino. Qui potete ammirare le cosiddette “Canne d’Organo”, un gruppo di stalattiti parallele che ricordano molto questo strumento musicale e che producono suoni differenti a seconda di come vengono colpite.
Continuando il tour, arrivate alla “Sala delle Candeline”, dove piccole stalagmiti emergono da un incantevole laghetto lucente.
Segue la “Sala dell’Orsa” dove, in un milione di anni, il gocciolare dell’acqua ha ricreato questo animale nella roccia.

Il tour finisce con “La Sala dell’Infinito”, un concetto che in queste grotte diventa più facile da capire.
Davanti a voi l’immensità della Natura.


Abbigliamento

La temperatura all’interno è di 14 gradi, 98 percento di umidità, costante per tutto l’anno.
Consigliano un abbigliamento caldo con giubbotto impermeabile/k-way e scarpe comode.
I bambini anche molto piccoli possono entrare, ma senza passeggino.
A fine articolo trovate tutti i contatti per chiedere informazioni alla struttura stessa.


Percorsi speleo-avventura

È possibile visitare le Grotte di Frasassi anche andando oltre i camminamenti riservati ai turisti e calandosi nei panni di un vero speleologo munito di tuta, casco e stivali (forniti all’ingresso).
Potete scegliere tra un percorso più facile (azzurro) e uno più impegnativo (rosso).*
In entrambi i casi, la parola d’ordine è sporcarsi!

Il Percorso Azzurro, della durata di circa 2 ore, è adatto a chiunque sopra i 12 anni di età e prevede brevi arrampicate, scivoli, strettoie e cunicoli.
Ci si muove su superfici fangose, scivolose e sconnesse ed è possibile scattare delle foto ricordo.
Si parte alla fine del percorso turistico passando per la strettoia della “Cannella” per arrivare alle “Quattro Sorelle” e ad una lunga galleria che porta alla “Sala Finlandia”. Attraverso un lungo cunicolo arrivate prima alla “Sala del Bivacco” e poi, scendendo per un lungo scivolo, alla “Sala Gentile da Fabriano” e ai “Pozzi di Lucia”.
È un giusto compromesso per vivere un po’ più da vicino questo mondo sotterraneo e immedesimarsi nei primi scopritori di questa meraviglia naturalistica.

Il Percorso Rosso ha invece una durata di circa 3 ore ed è una vera e propria Esperienza, con la E maiuscola.
Adatto a veri appassionati.
Si parte sempre dalla “Sala dell’Infinito” ma dopo pochi metri inizia l’avventura: scendete in una voragine profonda circa 30 metri, dove, assicurati ad una corda, vi avvicinate ai “Cunicoli Bassi”, 30 metri da percorrere…strisciando.
Dopo una serie di saliscendi, dovete arrampicarvi per circa 10 metri lungo una scivolosa condotta chiamata “Salita della Spaccata”.
Di nuovo, legati ad una corda, vi aspettano altre salite per arrivare ad un lungo corridoio e poi alle sale “del Palcoscenico”, “del Molare” e “dell’Elefante”.
Un ultimo stretto passaggio lungo circa 30 metri denominato “Le Catacombe” conclude il giro.

Nel silenzio e nel buio delle Grotte di Frasassi il tempo è scandito solo dal millenario gocciolare dell’acqua, dal vostro respiro e dal battito del vostro cuore.

Un’esperienza unica.

Vi aspettiamo al Raffaello Residence per suggerirvi mille altre attrazioni e rendere la vostra vacanza nelle Marche indimenticabile.



INFO E PRENOTAZIONI Grotte di Frasassi:

Numero verde: 800 166 250
Dall’estero: +39 0732 90090
Percorsi Speleo: +39 0732 90090
Per orari e giorni di apertura: www.frasassi.com

*Entrambi i percorsi speleo sono sconsigliati alle persone cardiopatiche o claustrofobiche.

Condividi articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Altri articoli:

Itinerari

Fano: 9 motivi per visitarla

Scritto da Chiara Silvestrini È la terza città delle Marche. Ricca di storia, cultura e buon cibo. È una città ospitale, con un centro storico incantevole

Categorie

Enogastronomia

Escursioni e Natura

Eventi e Tradizioni

Itinerari