Guida alla Riviera del Conero: Perché non puoi perdertela

Scritto da Chiara Silvestrini

La Riviera del Conero è stata definita una delle perle dell’Adriatico.
E un motivo c’è.
Spiagge candide e mare cristallino, campagne ondulate, grotte profonde e ripide scogliere. Una natura rigogliosa e accogliente, in cui si fondono perfettamente borghi arroccati e gioielli architettonici.

La Riviera del Conero accontenta tutti.
Ogni viaggiatore ha le sue esigenze: chi preferisce spiagge attrezzate e chi quelle selvagge, chi ama la sabbia e chi i sassi, ci sono i tipi “lucertola” che vogliono solo sdraiarsi al sole e i tipi “stambecco” che non sanno star fermi e vogliono percorrere sentieri in mezzo alla natura, c’è chi ama campeggiare e chi godersi un aperitivo o una cena in centro, vista mare.
Una cosa è certa, tutti porteranno a casa la stessa foto: sullo sfondo un verde promontorio, mille tonalità di blu e in primo piano un sorriso enorme.

Con questa guida aiutarti a scoprire le diverse spiagge, i percorsi escursionistici e gli incantevoli paesini incastonati in questa oasi di pace e bellezza.
Ti consigliamo una lunga permanenza, perché non sarà facile lasciare la Riviera del Conero senza averla scoperta tutta.

Il Monte Conero, con i suoi 572 metri, è l’unico rilievo a picco sul mare tra Trieste e il Gargano. Si trova appena a sud di Ancona nelle Marche.
È un promontorio verde di una ricca vegetazione che termina con ripide e bianche scogliere calcaree per raggiungere il blu intenso del mare Adriatico.
Non a caso tutta l’area è tutelata da un Parco Regionale istituito nel 1987 e premiata da anni con la Bandiera Blu.

Spiagge per tutti i gusti

Quali sono le spiagge più belle del Conero?
Le meravigliose spiagge della Riviera offrono gli scenari più variegati, ma tutti meritevoli di essere visitati. Anzi, vissuti.

Per gli amanti delle comodità, il litorale di Numana è ricco di stabilimenti balneari attrezzatissimi.
La spiaggia di Numana Alta, nota come “La Spiaggiola”, è una delle più amate dai bagnanti e dalle famiglie con bambini, grazie ad un’atmosfera elegante, spiagge sabbiose, fondali che digradano dolcemente e la protezione di tre scogliere.
Il litorale tra Numana Bassa e Marcelli è l’ideale per praticare sport e godersi i numerosi locali in riva al mare.

Per chi preferisce la natura selvaggia e le calette quasi inaccessibili, la scelta cade sulle incantevoli spiagge di Portonovo e Sirolo.
Prima fra tutti la spiaggia di Mezzavalle: è il primo tratto di spiaggia di sassi bianchi della Riviera del Conero ed è accessibile soltanto dal mare o percorrendo un ripido sentiero a nord di Portonovo.
La spiaggia di Portonovo conserva i magnifici contrasti tra il bianco dei suoi sassi ed il turchese del mare, ma alterna lidi attrezzati ed aree libere, oltre che deliziosi ristorantini affacciati sul mare.

L’ultimo tratto di costa balneabile lungo il versante nord del Conero è chiamata “La Vela” grazie allo scenografico scoglio della stessa forma appena a largo dell’arenile.

Spostandosi lungo il versante meridionale troviamo le spiagge più famose dell’intera Riviera, soprattutto nella zona di Sirolo.
La più nota e spettacolare è la spiaggia delle Due Sorelle: arenile in ghiaia, sassi e scogli, prende il nome da due scogli gemelli che emergono dal mare a pochi metri dalla riva.
Attenzione: questa spiaggia è raggiungibile soltanto dal mare!
Diverse agenzie organizzano uscite in barca o in canoa per raggiungerle, anche all’alba.

Incontaminata è anche la spiaggia libera dei Sassi Neri, dove invece del candore delle precedenti spiagge, troverai un arenile di sassi scuri, molto suggestivo.

Attaccata a questa, la spiaggia di San Michele: mare blu profondo e pareti rocciose.

Infine arriviamo alla Spiaggia Urbani, un ampio arenile di sassi e ghiaia delimitato da una rupe e da una grotta, con un particolare profumo di pini che pervade tutta l’area.
Non a caso è considerata una delle più belle della Riviera.

18 percorsi escursionistici a piedi o in bici

Il bello del Conero è che non è solo mare e spiaggia.
Il Parco Regionale è una meta perfetta anche per i viaggiatori che amano le passeggiate e le escursioni nella natura.
L’area protetta è anche una magnifica oasi naturalistica di 5.800 ettari, con un’alternanza di scenari dall’alto del monte sino al mare, da percorrere a piedi o in mountain bike.
18 sono i percorsi nella macchia mediterranea, tra ginestre, lecci e pini.
Lungo il cammino è, inoltre, possibile ammirare una fauna particolarmente ricca, soprattutto numerose specie di uccelli, anche rari.
Molti sentieri iniziano dalla cittadina di Camerano a 300 metri di altitudine.

Per gli amanti delle grotte, le misteriose Grotte di Camerano

Nella stessa area si trova il sorprendente complesso ipogeo delle Grotte di Camerano, un intreccio di cavità e gallerie scavate dalla natura nei millenni.
Per gli amanti delle grotte, dopo quelle di Frasassi e del Montecucco, quelle di Camerano sono una tappa irrinunciabile.
Curiosità: una di queste grotte è detta Buco del Diavolo o Buco della Paura. Una leggenda di origini pagane racconta che, percorrendolo interamente, si arriverebbe in una grande stanza con al centro un altare, su cui si trovano una gallina d’oro e dodici pulcini. Il visitatore non potrà tornare indietro se non scoprirà il vero nome del Demonio e lo scriverà sulla roccia con il proprio sangue.
In ogni caso, a quanto ci risulta, per ora i turisti sono tutti tornati!

Sirolo, la perla dell’Adriatico

Sirolo è considerata “La Perla dell’Adriatico”.
Il suo castello, le torri e le mura conservano ancora le sembianze medievali ed è incastonata perfettamente nell’incantevole paesaggio che la circonda.
Dal 1994, tutti gli anni, La FEA (Fondazione per l’Educazione Ambientale), premia il Comune di Sirolo con la Bandiera Blu in quanto in possesso dei numerosi parametri di gestione sostenibile del territorio come la qualità delle acque di balneazione, la gestione e l’educazione ambientale.
È l’unica località italiana con questo record.

Numana, tra spiagge fra le più amate d’Italia

A sud di Sirolo c’è Numana, un tempo chiamata Umana.
Il centro storico si trova nella parte alta (Numana Alta) in cima ad una falesia a picco sul mare. Numana Bassa si sviluppa nella parte sud fino al porto turistico.
Elegante e attrezzatissima, le sue spiagge sono tra le più amate dai turisti che vogliono godersi una vacanza rilassante e divertente, in uno scenario da sogno.

Ti servono altri motivi per visitare la Riviera del Conero?

Contattaci per conoscere le suite e gli appartamenti disponibili e tutti i nostri suggerimenti per la tua vacanza nelle Marche!
A presto

Photo credit:
Chiara Silvestrini
Alessio Patron by Unsplash
Ciro Morra by Unsplash
Dodo152 by Pixabay
Massimiliano Morichi by Pixabay 

Condividi articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Altri articoli:

Itinerari

Rasiglia: borgo incantato tra i ruscelli

Scritto da Simone Pierini Il piccolo paese di Rasiglia si trova in Umbria, nel cuore dell’Italia centrale e fa parte del comune di Foligno. Immerso

Categorie

Enogastronomia

Escursioni e Natura

Eventi e Tradizioni

Itinerari